Il calcio-48, raro e molto costoso: 500.000 dollari per soli 2 grammi

24 marzo 2017

Esiste una sostanza così scarsa, solo lo 0,187% del calcio naturale esistente sul pianeta, e così difficile da essere isolata, atomo per atomo impiegando una macchina di separazione magnetica, da valere la cifra astronomica di 250.000 dollari al grammo. È ...

Il parroco trova uno dei diamanti più grandi del mondo

21 marzo 2017

Il miracolo è accaduto il 15 marzo a Kono, in Sierra Leone. Un prete cristiano ha trovato una pietra da 706 carati, uno dei diamanti più grandi mai trovati. Emmanuel Momoh, un parroco di una delle innumerevoli chiese del distretto di Kono, l’area diamantifera diventata l’epicentro della ...

L’ultima bolla dei mercati: il litio

20 marzo 2017

I prezzi del litio stanno gonfiando una bolla pronta a scoppiare? Le quotazioni sono cresciute molto rapidamente e qualcuno crede che abbiano raggiunto un picco. Indiscutibilmente, la domanda del settore è stata molto forte e in costante crescita, tanto da ricordare quanto successo negli scorsi anni ...

Il calcio-48, raro e molto costoso: 500.000 dollari per soli 2 grammi

24 marzo 2017

Esiste una sostanza così scarsa, solo lo 0,187% del calcio naturale esistente sul pianeta, e così difficile da essere isolata, atomo per atomo impiegando una macchina di separazione magnetica, da valere la cifra astronomica di 250.000 dollari al grammo. È un isotopo del calcio: il calcio-48. Esiste un solo impianto al mondo in grado di ottenere questo isotopo e si trova nella città di Lesnoy, a circa 250 chilometri da Ekaterinburg, in Russia, che lavora in condizioni di totale monopolio. La produzione annua è di soli 10 grammi, l’equivalente di circa due cucchiaini da caffè. Per chi sta pensando che possa essere un lucroso investimento acquistare del calcio-48, farebbe bene a sapere che il mercato per questo isotopo non è per nulla sviluppato, dal momento che i clienti sono davvero pochi. Il mercato per il calcio-48 non è per nulla sviluppato, dal momento che i clienti sono davvero pochi Come spiega ...

Il parroco trova uno dei diamanti più grandi del mondo

21 marzo 2017

Il miracolo è accaduto il 15 marzo a Kono, in Sierra Leone. Un prete cristiano ha trovato una pietra da 706 carati, uno dei diamanti più grandi mai trovati. Emmanuel Momoh, un parroco di una delle innumerevoli chiese del distretto di Kono, l’area diamantifera diventata l’epicentro della sanguinaria guerra civile della Sierra Leone (narrata anche nel film di Leonardo DiCaprio “Blood Diamond“), per arrotondare il suo magro stipendio lavora come minatore-artigiano alla ricerca di minerali. Il virtuosissimo prete ha deciso di consegnare l’eccezionale pietra alle autorità e il Presidente del paese ha dichiarato che il diamante verrà messo all’asta e il ricavato andrà sia ai proprietari, per quanto dovuto loro, e sia a beneficio del paese nel suo complesso. Nonostante i diamanti siano presenti in circa un quarto del territorio della Sierra Leone, questo paese, di circa sei milioni di persone, è una delle cinque nazioni più povere del mondo. Per avere un’idea di quello che potrebbe essere il ...

L’ultima bolla dei mercati: il litio

20 marzo 2017

I prezzi del litio stanno gonfiando una bolla pronta a scoppiare? Le quotazioni sono cresciute molto rapidamente e qualcuno crede che abbiano raggiunto un picco. Indiscutibilmente, la domanda del settore è stata molto forte e in costante crescita, tanto da ricordare quanto successo negli scorsi anni ai prezzi delle terre rare e del vanadio. La domanda di carbonato di litio equivalente (LCE) è prevista in salita del 60% per anno (300.000 tonnellate) da qui al 2020 e, secondo National Bank Financial, sul mercato potrebbero entrare nuovi attori. La domanda di carbonato di litio equivalente è prevista in salita del 60% per anno Un’indicazione della misura in cui la febbre del litio ha contagiato investitori e aziende minerarie, è in un articolo di Bloomberg che riferisce come, a seguito della decisione del presidente dell’Argentina Mauricio Macri di rimuovere i controlli valutari e dei capitali e delle imposte introdotte dai suoi predecessori, circa 40 aziende straniere abbiano cominciato ...

Una moto volante ispirata a LEGO

18 marzo 2017

Succede che le buone idee arrivino da cose del tutto inaspettate. All’inizio di quest’anno, la Lego Technic ha messo in commercio 603 pezzi per costruire il modellino della BMW R 1200 GS Adventure, una moto dual-sport più adatta allo sterrato che all’asfalto.  Una riproduzione molto fedele di forme e meccanismi di una delle moto più vendute della BMW. Ma in poco tempo si è visto che con gli stessi mattoncini si poteva costruire anche il modello di una futuristica moto volante. Tutto ciò non è passato inosservato e la nota casa automobilistica tedesca, grazie alla sua divisione BMW Junior Company, ha deciso di passare dal giocattolo ad una moto concept vera e propria, chiamata Hover Ride Design Concept. Quando si dice pensare fuori dagli schemi… BMW è passata dal giocattolo ad una moto concept vera e propria, chiamata Hover Ride Design Concept La tecnologia per farla volare, purtroppo, non è ancora alla nostra portata, ma l’idea ...

Un’OPEC dell’alluminio per salvare i produttori?

17 marzo 2017

Una proposta che farà certamente discutere quella della UC Rusal, che mira a creare un’organizzazione globale dell’alluminio, sulla falsariga dei produttori di petrolio con l’OPEC. Secondo Reuters, il più grande produttore del mondo di alluminio al di fuori dei confini cinesi, durante una conferenza sul Mar Nero, ha proposto la creazione di un club tra i più importanti produttori di metallo. Nell’occasione, Denis Manturov, Ministro del Commercio russo, ha parlato della creazione di una politica unica nel settore delle norme e delle tecnologie, sottintendendo ad un meccanismo per frenare il crescente dominio della Cina nel mercato dell’alluminio primario, che oggi produce oltre la metà di tutto l’alluminio mondiale. Nonostante gli smelter occidentali abbiano ridotto la produzione, il mercato globale rimane in eccesso di offerta Rusal, fino a pochi anni fa, era il più grande produttore di alluminio del mondo, prima di essere sorpassata da Hongqiao nel 2015 e nel 2016. La Cina ha esportato più ...

Argento: com’è fatta la domanda?

16 marzo 2017

L’argento è uno dei metalli più versatili, con proprietà uniche e moltissime applicazioni, dalle posate da cucina alla medicina. Duttile e malleabile, trova impiego nel settore industriale e tecnologico per oltre la metà della domanda globale annua. Una domanda globale di metallo fisico che, nel 2016, secondo i dati dell’USGS, è diminuita in tutti i settori, tra cui l’elettronica, la fotografia, le leghe e le saldature. Tuttavia, le previsioni sono per un aumento della domanda grazie all’energia solare, dal momento che l’argento è un grande conduttore di calore ed elettricità, perfetto per i pannelli solari. Dal punto di vista di un investitore, riveste grande importanza conoscere quali sono i principali driver della domanda, soprattutto in visione prospettica. Ecco perciò i fattori che determinano l’andamento della domanda mondiale di metallo bianco:  le applicazioni industriali, la gioielleria, l’argenteria, la fotografia e i lingotti/monete. Applicazioni industriali L’argento, tra tutti i metalli, è il ...

Come faremo senza terre rare?

15 marzo 2017

Per chi segue il mercato delle terre rare, il tormentone che assilla il mercato ormai da anni è quello della ricerca di forniture alternative al di fuori della Cina. Nonostante vari tentativi di alcune aziende occidentali di mettere fine al monopolio, la Cina produce attualmente il 95% di tutte le terre rare del mondo e questa sua posizione predominante l’ha portata a scontrarsi negli scorsi anni anche con l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO). In questo contesto abbastanza critico, gli esperti rimangono spesso sorpresi della beata inconsapevolezza dell’importanza delle terre rare da parte del pubblico, per non parlare dei pericoli derivanti da un’interruzione delle forniture di questi preziosi elementi. Come qualcuno ripete da tempo, un embargo cinese sulle terre rare non è uno scenario impossibile. Nel 2010, la Cina tagliò le esportazioni di terre rare in Giappone come ritorsione a seguito di un incidente tra la guardia costiera giapponese e ...

Il destino dei prezzi del nichel si decide nelle Filippine

14 marzo 2017

La partita internazionale del nichel si sta giocando nelle Filippine. Sembra che Gina Lopez, nominata dal Presidente Rodrigo Duterte, non verrà confermata al Ministero dell’Ambiente. Una buona notizia per l’industria mineraria del paese che temeva le misure per la salvaguardia ambientale del nuovo ministro, giudicate penalizzanti per il settore. I prezzi del nichel hanno reagito alla notizia scendendo del 10%. Il rally del metallo è iniziato quando Duterte è diventato presidente delle Filippine, lo scorso giugno. Da allora i prezzi sono cresciuti sul giro di vite ambientale nell’industria mineraria del paese. Le Filippine è il più importante esportatore di minerale di nichel del mondo e se Gina Lopez diventasse Ministro dell’Ambiente è ragionevole pensare che le forniture di metallo subirebbero una frenata, con una conseguente impennata dei prezzi a livello mondiale per quest’anno. Al contrario, la bocciatura di Gina Lopez sarebbe una vittoria delle società minerarie nella battaglia contro gli ambientalisti, con una pressione verso ...

Produzione di rame nel mondo: i primi 10 paesi

13 marzo 2017

I prezzi del rame, negli ultimi mesi, hanno registrato buoni guadagni, sostenuti dalle interruzioni nella produzione e da una domanda in crescita proveniente dalla Cina. Secondo Goldman Sachs, il mercato del metallo rosso sarà in deficit nei prossimi mesi e i prezzi ne risentiranno positivamente. Nonostante ciò, le forniture di rame sono state abbastanza costanti tra il 2015 e il 2016 e, secondo lo US Geological Survey (USGS), la produzione globale si è attestata a 19,4 milioni di tonnellate nel 2016, in leggera crescita dai 19,1 milioni di tonnellate dell’anno precedente. Il quadro completo di dove si è prodotto più rame nel mondo nel corso del 2016 è quello che segue, fornito dal US Geological Survey (USGS). 1CILE (Produzione mineraria: 5.5 milioni di tonnellate). Nonostante terremoti, forti piogge e scioperi, la produzione di metallo rosso in Cile ha tenuto bene. Tuttavia, nei prossimi anni la produzione potrebbe calare in ...

Le miniere di rame del Perù

9 marzo 2017

Il 2016, per le miniere di rame peruviane, è stato il secondo anno di produzione record. Il Perù ha superato la Cina ed è diventato il secondo più grande produttore di rame del mondo. Secondo i dati dello US Geological Survey, nel 2015 il paese aveva prodotto 1,7 milioni di tonnellate, mentre nel corso del 2016 ha raggiunto 2,3 milioni di tonnellate. È nota da tempo la ricchezza di minerali impressionante di questo paese, nonostante una geografia che ne rende difficoltoso l’accesso. Tuttavia, a partire dal 2009, le esportazioni di minerali hanno rappresentato il 61% dei proventi delle esportazioni del paese. La miniera di Las Bambas è destinata a diventare una delle più grandi miniere di rame del mondo Ecco perché gli aumenti produttivi erano negli obbiettivi, che miravano a raddoppiare la produzione di rame nel 2016. Anche se non c’è stato un raddoppio, i risultati sono comunque abbastanza sorprendenti ...